Stimolare lo sviluppo del linguaggio: cosa evitare

Dopo aver visto alcune buone pratiche per stimolare il linguaggio del tuo bambino è bene ricordare quei comportamenti che andrebbero evitati per non rischiare di frustrare o inibire il bambino a produrre nuove parole. Sono piccoli accorgimenti a cui tante volte l’adulto non fa caso, ma che non favoriscono, e in alcuni casi limitano, lo sviluppo del linguaggio.

Vediamo quindi cosa è buona norma evitare:

  • Parlare velocemente: un bambino con un ritardo del linguaggio spesso ha una lenta elaborazione delle informazioni linguistiche perché non ha una buona padronanza dello strumento linguaggio. È un po’ come quando noi sentiamo una persona parlare in una lingua straniera e non riusciamo ad individuare le singole parole. Cosa facciamo? Chiediamo di rallentare perché l’elaborazione delle informazioni linguistiche è più lenta. Lo stesso vale per il bambino piccolo o con ritardo di linguaggio.
  • Parlare imitando gli errori del bambino. L’apprendimento del linguaggio è per la maggior parte basato sul meccanismo dell’imitazione, il bambino infatti copia il modello adulto per imparare nuovi suoni e parole. È bene quindi evitare di introdurre errori nelle parole modificando i suoni del linguaggio, e preferire parole più semplici (come nanna al posto di dormire) articolandole correttamente.
  • Chiedere abitualmente al bambino di ripetere le parole correttamente: è sbagliato perché il bambino fino a una certa età può avere ancora tante produzioni alterate rispetto al linguaggio dell’adulto, perciò si deve intervenire su quello che il bambino vuole esprimere e non su come lo dice. A lungo andare, continue interruzioni del suo pensiero solo allo scopo di dire bene una parola, diventano demotivanti e addirittura frustranti se il bambino ha anche alcune difficoltà di linguaggio.
  • Parlare troppo e sostituirsi a lui: spesso l’adulto tende a sovrastare il linguaggio del bambino parlandogli in modo molto complesso, sostituendosi a lui quando qualcuno gli rivolge la parola e non lasciandogli in tempo di rispondere. È importante lasciare che il bambino si misuri con le sue potenzialità, far sì che sfrutti tutte le occasioni per usare questo nuovo e complesso strumento che ha disposizione. Quindi sì al sostegno, ma solo quando effettivamente il bambino è in difficoltà.

Questi sono solo alcuni piccoli suggerimenti che possono aiutare il linguaggio del tuo bambino, ma è sempre consigliato, se si hanno dubbi rispetto al suo sviluppo linguistico, affidarsi ad uno specialista.

Leave A Comment